Investire in titoli online per principianti con pochi soldi - Una guida completa

Vuoi guadagnare online con azioni senza un broker? Se SÌ, ecco una guida completa per investire in azioni per principianti con pochi soldi .

Il mercato azionario è un affascinante mercato commerciale internazionale da miliardi di dollari. I commercianti acquistano e vendono azioni e, così facendo, danno forma al mondo finanziario. Investire e trarre profitto dal mercato azionario può tuttavia essere un compito arduo. Oltre alla disciplina e alla solida conoscenza del mercato azionario, richiede anche una ricerca approfondita e perseveranza, ma con la giusta conoscenza e la ricerca continua, un investitore può davvero trarre molto profitto dal mercato azionario.

Perché un'azienda cresca e abbia successo, è necessario il capitale. Quando una società sta per iniziare, il fondatore può utilizzare i suoi risparmi personali, prendere in prestito o reperire fondi attraverso altri mezzi per avviare la sua società. Tuttavia, man mano che l'azienda migliora e prospera, sorge la necessità di reperire fondi con altri mezzi. I fondi aggiuntivi potrebbero essere necessari per aumentare la produzione, aprire un nuovo ufficio o assumere personale aggiuntivo. La società può quindi decidere di prendere in prestito denaro o vendere agli investitori una quota della società.

Che cos'è uno stock o un'azione?

Un titolo, noto anche come titolo azionario o azionario, è quindi un'unità di proprietà di una società. Non una qualsiasi società, ma una società pubblica. Ciò significa che una certa percentuale della sua proprietà è nelle mani del pubblico e chiunque può acquistarne una parte e diventare azionista, azionista o azionista.

Quando diventi un azionista di una società, ora possiedi una parte delle attività e dei guadagni dell'azienda, non importa quanto piccola. Circa la metà di tutti gli americani (52%) possiede azioni di una società o dell'altra secondo un sondaggio condotto da Gallup nel 2016.

Investire in azioni - Tipi di azioni

Esistono due tipi principali di azioni emesse dalle società. Sono azioni comuni e preferite.

un. Azioni ordinarie

Più spesso, quando le persone dicono "stock", in realtà si riferiscono a titoli comuni. La maggior parte delle azioni emesse sono azioni comuni. Le azioni ordinarie sono titoli che rappresentano la proprietà di un'azienda. Le persone che possiedono azioni ordinarie di una società hanno diritto a profitti sotto forma di dividendi e hanno anche diritto di voto.

In genere, per eleggere i membri del consiglio di amministrazione, gli investitori hanno diritto a 1 voto per azione posseduta. I dividendi pagati agli azionisti comuni dipendono in gran parte dagli utili o dalle perdite realizzati dalla società. Nel caso in cui una società subisca un fallimento e debba essere liquidata, gli azionisti comuni sono di solito in fondo alla scala di priorità di quelli che otterranno i loro investimenti.

b. Azioni privilegiate

Questo tipo di azioni può essere paragonato a un'obbligazione. In questo caso, gli investitori ottengono un dividendo fisso fintanto che detengono la quota indipendentemente dall'utile o dalla perdita sostenuto dalla società. Inoltre, le persone che possiedono questo tipo di azioni non hanno diritto al diritto di voto. In caso di liquidazione di una società e le attività vengono vendute, gli azionisti preferiti vengono classificati più in alto nella scala di priorità quando devono essere pagati.

Investire attraverso il mercato primario rispetto al mercato azionario secondario

Il mercato finanziario, a differenza di qualsiasi altro mercato al mondo, fornisce una piattaforma in cui i nuovi titoli vengono venduti regolarmente al pubblico. Un titolo è uno strumento finanziario che detiene un valore (in termini monetari) e che può essere venduto.

Inoltre, rappresenta i diritti a una posizione di proprietà in una società quotata in borsa tramite azioni, obbligazioni e opzioni. I prodotti finanziari vengono acquistati e venduti sul mercato dei capitali e questi prodotti finanziari sono ampiamente classificati nel mercato azionario primario e secondario.

Una buona conoscenza di ciò che è il mercato primario e secondario e di come funzionano è molto importante per un investitore in altri affinché comprenda il commercio di titoli. Senza le conoscenze di cui sopra, il mercato azionario sarebbe più problematico da discernere e non sarebbe nemmeno così redditizio. Con questo in mente, è pertinente che prima che un individuo investa i suoi risparmi nel mercato finanziario, deve conoscere la differenza tra il mercato primario e secondario.

Qual è il mercato primario?

Il mercato primario o il mercato delle nuove emissioni (NIM) è fondamentalmente il luogo in cui vengono create le azioni. Quando un'azienda corporativa decide di diventare pubblica per la prima volta sollevando un'offerta pubblica iniziale (IPO), viene effettuata nel mercato primario.

Qui, la società vende la sua quota agli investitori attraverso una banca di investimento o un sindacato finanziario di commercianti di titoli noti come sottoscrittori. I fondi possono anche essere raccolti dal governo e da altre istituzioni del settore pubblico attraverso l'emissione di obbligazioni.

Le questioni che una società pone possono anche assumere la forma di emissione di bonus, emissione corretta, offerta in vendita, emissione pubblica ecc. Nel mercato primario, il capitale e il capitale possono essere generati attraverso uno dei seguenti mezzi:

  • Assegnazione preferenziale

Come suggerisce il nome, l'assegnazione preferenziale comporta l'assegnazione di titoli o azioni su base preferenziale. Quando una società deve raccogliere fondi per estinguere il proprio debito o espandere la propria attività esistente, l'emissione di titoli al pubblico potrebbe non essere sempre fattibile perché costa molto tempo e denaro. La società può quindi decidere di vendere a un piccolo gruppo di persone selezionate o società interessate, riducendo in tal modo le pratiche burocratiche e l'ora lavorativa che comporta la vendita al pubblico.

  • Collocamento privato

Quando un'azienda ha bisogno di raccogliere fondi, può farlo nel mercato privato rispetto al mercato pubblico. Il mercato privato offre loro il vantaggio di ottenere il fondo di cui hanno bisogno più velocemente e li aiuta anche ad evitare determinate commissioni. Se raccolgono i fondi privatamente, possono evitare di dover registrare le fideiussioni e anche evitare di presentare un prospetto.

Evitando quanto sopra, sono in grado di ottenere capitale dagli investitori nelle casse della società ad un tasso molto più veloce di quanto sarebbe stato possibile se fosse stato raccolto pubblicamente. Questa è l'idea alla base del collocamento privato. Un collocamento privato è quindi un mezzo di raccolta di capitale che comporta l'offerta in vendita di fideiussioni non registrate a un determinato numero di investitori. I warrant altrimenti noti come obbligazioni e azioni della società vengono scambiati con denaro contante.

Negli Stati Uniti d'America, anche se tutti i collocamenti devono aderire alla legge sui titoli del 1993, i titoli offerti in un collocamento privato non devono essere registrati presso la Securities and Exchange Commission. Tuttavia, l'emissione di titoli deve essere in linea con un'esenzione dalla registrazione come indicato nell'atto sui titoli del 1993.

  • Problema pubblico

Ciò comporta fondamentalmente la vendita di titoli al pubblico in generale. L'emissione di azioni consente pubblicamente ai membri del grande pubblico di possedere una parte della società; tuttavia, non saranno in grado di possedere un fattore di controllo. Una condivisione pubblica può essere un'offerta pubblica iniziale (IPO) o un'ulteriore offerta pubblica (FPO).

  • Problema relativo ai diritti

Questo è un invito a presentare gli azionisti per l'acquisto di più azioni in una società a un prezzo inferiore al prezzo di mercato ma in una data futura. Qui i titoli sono noti come diritti. In attesa della data di maturazione dei diritti, un azionista può decidere di vendere il proprio diritto nello stesso modo in cui una persona venderebbe un'azione ordinaria.

Cos'è il mercato secondario?

Il mercato secondario, noto anche come mercato degli accessori, è fondamentalmente il luogo di scambio delle azioni. È un mercato finanziario in cui strumenti finanziari quali obbligazioni, azioni, opzioni e futures emessi sul mercato primario sono venduti agli investitori. Qui un investitore acquista titoli da un altro investitore anziché acquistare direttamente dall'emittente.

Il mercato secondario è diviso in 2 tipi di mercato.

  • Mercato delle aste

Si tratta di uno scambio centralizzato e organizzato in cui acquirenti e venditori (o i loro rappresentanti) si incontrano in un luogo e annunciano il tasso al quale sono disposti a vendere o acquistare titoli. Gli acquirenti e il venditore "offrono" o "chiedono" i prezzi. Ogni prezzo è annunciato pubblicamente e gli investitori che desiderano acquistare azioni possono facilmente fare le proprie scelte. Esempi di mercati d'asta includono la Borsa di New York (NYSE), la Borsa americana (AMEX) ecc.

  • Mercato dei rivenditori

In questo mercato, non vi è alcuna posizione centrale per le parti interessate di incontrarsi, piuttosto, l'acquisto e la vendita di titoli avviene tramite telefono, macchine per ordini personalizzati, computer ecc. Al contrario di un vero e proprio piano di negoziazione. I venditori fanno la loro offerta attraverso i suddetti metodi elettronici, mentre i rivenditori trasmettono le informazioni agli acquirenti.

I rivenditori guadagnano i loro profitti vendendo titoli nel loro inventario. Il sistema di quotazioni automatizzate della National Association of Securities Dealers (NASDAQ) è un buon esempio del mercato dei rivenditori. Il mercato over the counter (OTC) è una variazione del mercato dei rivenditori.

Differenze tra il mercato azionario primario e secondario

Da quanto abbiamo discusso in precedenza, è abbastanza ovvio che i mercati primario e secondario non sono uguali in alcun modo. Le differenze tra loro sono le seguenti:

  • Nel mercato primario, il venditore di un titolo è anche l'emittente del titolo mentre nel mercato secondario, il venditore del titolo è la persona che detiene il titolo ed è disposto a offrirlo in vendita.
  • Nel mercato primario, le società ricevono i fondi di cui hanno bisogno per estinguere il debito e gestire o migliorare le loro attività, mentre nel mercato secondario le società non dispongono di fondi.
  • L'emissione primaria di titoli non è un processo costante e in quanto tale non si verifica regolarmente nel mercato primario, mentre l'emissione secondaria di titoli avviene su base frequente.
  • Nel mercato primario, un titolo può essere venduto una sola volta dall'azienda, ma nel mercato secondario un titolo può essere venduto e rivenduto più volte.
  • I titoli primari non esistono sempre in precedenza sul mercato fino al momento dell'offerta pubblica iniziale. I titoli secondari invece sono in circolazione.
  • L'acquisto e la vendita di azioni nel mercato primario avviene tra un'azienda e gli investitori, mentre nel mercato secondario lo è tra investitori.
  • In caso di variazione del prezzo, l'emittente originale (la società) non sarà interessato sul mercato primario, mentre sul mercato secondario; gli investitori saranno influenzati in meglio o in peggio se il prezzo cambia.
  • L'intermediario che esiste nel mercato primario è il sottoscrittore che poi vende al grande pubblico. Nel mercato secondario, i broker agiscono come intermediari.
  • Nel mercato primario, il prezzo delle azioni è fisso e costante, nel mercato secondario, tuttavia, i prezzi delle azioni sono soggetti alle leggi della domanda e dell'offerta e come tali hanno la tendenza a fluttuare nel prezzo.
  • Il mercato primario non è un posto per dire. Cioè, non ha una posizione specifica mentre i mercati secondari hanno un'esistenza fisica.

Investire in azioni - Come scegliere un'azienda da cui acquistare

Prima di acquistare le azioni di qualsiasi società, è opportuno effettuare una ricerca approfondita della società. Dovrai studiare il conto economico e il bilancio della società tenendo presente i seguenti parametri:

  • Patrimonio netto: il numero del patrimonio netto della società dovrebbe essere notevolmente superiore al suo valore nell'anno precedente.
  • Vendite: le vendite dell'anno in corso dovrebbero essere superiori a quelle dell'ultimo anno.
  • Debito: l'importo che la società possiede come debito dovrebbe essere inferiore o dello stesso valore di quello degli ultimi anni. Inoltre, il debito della società dovrebbe essere inferiore alle sue attività.
  • Guadagno: l'importo guadagnato dall'azienda dovrebbe essere superiore di almeno il 10 percento rispetto a quello dell'anno precedente.

Inoltre, dovrebbero essere considerati i seguenti indici finanziari in quanto indicheranno se una società è finanziariamente forte, vale la pena investire e se genererà profitti per gli investitori:

  1. Rapporto prezzo / utili (P / E): questo rapporto rappresenta il prezzo delle azioni della società rispetto ai suoi utili per azione. Il numero indica quanti anni di profitto stai pagando per un titolo. Più basso è il rapporto prezzo / utili, meglio è. Ad esempio, un rapporto P / E di 20 implica che gli investitori sono disposti a pagare $ 20 per ogni dollaro dei guadagni dell'azienda. Per lo stock di grandi società, il rapporto non deve superare 20. Tuttavia, per tutti i tipi di stock il loro valore P / E non deve superare 30.
  2. Return on equity (ROE): questo rapporto misura l'efficienza di un'azienda nel trarre profitto dai fondi che vi sono stati investiti. Per un'azienda in cui vale la pena investire, il ROE dovrebbe aumentare di non meno del 10 percento ogni anno.
  3. Rapporto prezzo-vendita (PSR): questo rapporto mostra il valore che viene pagato per dollaro nella vendita all'anno. Più basso è il valore del PSR, migliore è l'investimento. Questo rapporto dovrebbe essere il più vicino possibile a 1.
  4. Crescita degli utili: rappresenta il tasso di crescita degli utili degli investimenti di ogni anno. Dovrebbe essere superiore del 10% rispetto al valore dell'anno precedente e questa tendenza dovrebbe essere sostenuta per alcuni anni.

È possibile acquistare azioni online senza un broker

Negli Stati Uniti d'America, l'acquisto delle azioni di una società è un processo abbastanza semplice. Puoi acquistarlo da un agente di borsa, che è autorizzato ad acquistare azioni per tuo conto oppure puoi acquistare le azioni da un broker online.

In tempi recenti, i broker online sono diventati piuttosto popolari, grazie al basso costo e alla facilità di apertura e gestione di un account. Per acquistare azioni da un broker online, tutto ciò che devi fare è andare sul loro sito Web, iscriverti e trasferire fondi sul loro conto.

Una volta che i fondi trasferiti sono stati confermati dai broker online, è possibile effettuare un ordine. Se hai già in mente uno stock, puoi navigare nel sito Web ed effettuare l'acquisto. In alternativa, se non hai in mente azioni ma hai una visione generale delle azioni ideali che desideri acquistare, puoi utilizzare l'opzione di filtro. Esempi di broker online sono E * trade, Optionshouse ecc.

I broker a servizio completo sono invece broker che puoi incontrare faccia a faccia. Offrono analisi dello stato personale e finanziario di un cliente e dal risultato che raccolgono, sono in grado di offrire un piano finanziario personalizzato che è più adatto per un particolare cliente. I broker a servizio completo sono più costosi a causa dei servizi aggiuntivi che offrono.

Qual è l'importo minimo che può essere investito in azioni?

Molte persone hanno la disposizione che il mercato azionario è per le persone che hanno un sacco di soldi da investire. Questo tuttavia è lontano dalla verità. Puoi iniziare con un piccolo importo e poi basarti su di esso per generare una ricompensa molto maggiore di quella che avresti realizzato se l'avessi lasciato nella tua banca (considerando che il tasso di interesse delle banche è vicino allo zero). L'importo che puoi investire in azioni dipende in larga misura dal tipo di broker che scegli.

In genere, i broker a servizio completo richiedono un minimo di $ 5.000 a $ 12.000 come capitale iniziale di un individuo. Addebitano inoltre commissioni di transazione più elevate. Alcuni broker online, d'altra parte, fanno pagare un minimo di $ 500 o anche meno per avviare un account. Concesso, un investimento iniziale di $ 500 impiegherà più tempo a produrre diverse migliaia rispetto a $ 5.000, ma con una ricerca concreta e gli investimenti giusti, il profitto può essere ottenuto con una piccola somma.

Strategie per investire in titoli per principianti

Esistono vari metodi con cui qualcuno può investire in azioni, ma i due metodi più popolari sono la strategia di acquisto e detenzione e la speculazione a breve termine.

  1. La strategia di acquisto e attesa

Questo è un approccio a lungo termine agli investimenti azionari. La maggior parte degli investitori e dei trader si avvale della strategia di acquisto e detenzione, in parte a causa del fatto che è meno tecnica e richiede meno tempo per studiare i capricci del mercato azionario. Dopo che un investitore ha condotto la sua vasta ricerca che lo porta a credere che un determinato titolo produrrà molti dividendi a lungo termine, può acquistare la quota e tenerla per un lungo periodo di tempo indipendentemente dal giorno in cui fluttuazioni del giorno del mercato.

Le azioni acquistate e detenute per un lungo periodo di tempo hanno il vantaggio di essere tassate più basse rispetto agli investimenti a breve termine. Questa strategia è utilizzata al meglio per gli investimenti in società che hanno una solida base rispetto alle nuove società che presentano un rischio più elevato.

Anche se questa strategia può dare l'impressione di essere un metodo di investimento sicuro, in realtà nessuna strategia è completamente sicura. A volte, le grandi aziende ottengono pochissimi profitti. Inoltre, in caso di declino del mercato, come nel 1987, 2002 e 2008, l'investitore buy and hold dovrà attendere un periodo di tempo molto lungo in altri per recuperare i suoi investimenti iniziali. Inoltre, l'investitore buy & hold non sarà in grado di sfruttare le oscillazioni di prezzo di cui gli speculatori a breve termine beneficiano in altri per realizzare profitti.

2. Speculazione a breve termine

Questo può assumere la forma di day trading o swing trading. Implica l'acquisto di azioni a basso prezzo e la vendita quando il prezzo sale. Un trade swing si tiene di solito da 2 a diversi giorni, mentre un trade giornaliero è solo per un giorno.

Qui la preoccupazione principale sono le oscillazioni quotidiane di un titolo piuttosto che il suo valore a lungo termine. Affinché la speculazione a breve termine sia redditizia, dovrebbe comportare lo studio delle statistiche dei grafici, dei rapporti finanziari e delle previsioni del settore dello stock in modo da formare una previsione analitica del suo movimento.

Sapere quando acquistare e quando vendere per ottenere il massimo profitto è una delle principali preoccupazioni nella speculazione a breve termine, tuttavia non richiede davvero un tempismo perfetto. I guadagni costanti derivanti dalle speculazioni a breve termine, indipendentemente da quanto piccoli siano i rendimenti, possono essere aggravati in un periodo di tempo per diventare più grandi con il tempo.

La speculazione a breve termine presenta il vantaggio di rendimenti attesi più elevati in un breve lasso di tempo rispetto alla strategia di acquisto e detenzione. Inoltre, lo speculatore a breve termine può semplicemente uscire dal mercato prima o quando scende.

Indipendentemente dalla strategia che stai adottando per investire in azioni, è della massima importanza tenere d'occhio le tue azioni in modo da sapere quando venderle se non aumentano di valore o se l'economia è cambiata considerevolmente.

Inoltre, dovresti vendere anche le azioni che intendevi detenere se sai che la società fallirà, se la società fa qualcosa che va contro il tuo sistema di credenze personali o se il Chief Financial Officer (CFO) è accusato di problemi di contabilità o furto.

7 consigli per investire in azioni in modo redditizio

Sebbene non ci siano formule sicure che garantiscano il successo mentre investi in azioni, ecco alcuni suggerimenti che possono aumentare notevolmente le tue possibilità di scegliere le azioni giuste.

  1. Determina la tua tolleranza al rischio

Prima di acquistare azioni, dovrai chiederti: "Posso perdere denaro?" Cioè, ti senti a tuo agio a perdere denaro? Questo non significa che ti piace perdere denaro, ma piuttosto cerca di scoprire se sei il tipo di persona che non può sopportare una perdita o se ne prendi una.

Il mercato azionario può essere un luogo spaventoso e alcune persone sono state conosciute per suicidarsi per una quota che è caduta. Quindi, prima ancora di pensare di acquistare una quota, dovresti essere consapevole dei rischi; potresti perdere tutto ciò che hai investito (anche se la possibilità che ciò accada è scarsa).

2. Aspettatevi le aspettative giuste : prima di acquistare azioni, dovreste tenere presente che non è un'impresa ricca e veloce. Investire in azioni richiede tempo per diventare redditizio, soprattutto se si acquista e si detiene.

3. Essere disposti a impegnarsi : le azioni non devono essere considerate un investimento in cui si getta denaro e quindi cresce magicamente. Dovresti essere disposto a fare ricerche sulle aziende, a cercare nuove idee di investimento, a cercare dati finanziari e record, ecc.

4. Non solo investire in azioni da solo, ma anche imparare a investire in un'attività che capisci. Se non capisci cosa fa un'azienda e come opera la sua attività, è probabile che le sue azioni non siano per te.

5. Non seguire il branco : non lasciare che i tuoi criteri singolari per l'acquisto di un titolo siano che un amico o un familiare lo sta acquistando o che hanno realizzato profitti dal titolo in precedenza. Questa strategia è destinata a fallire nel lungo periodo. Inoltre, fai attenzione alle scelte di titoli gratuite e indesiderate che promettono rendimenti esorbitanti in breve tempo.

6. Anche se il detto che le performance passate non sono una garanzia per i risultati futuri è popolare, dovrebbe comunque essere preso con un granello di sale. Le performance passate possono in gran parte mostrarti come si esibirà un'azienda in futuro, specialmente se la società è gestita dallo stesso gruppo di persone. Se in passato i dirigenti di un'azienda hanno dimostrato coerenza nell'entrare in nuove attività e trarne profitto, è necessario tenerlo presente quando si valuta l'azienda.

7. Dopo aver acquistato una quota, dovrai avere pazienza. Le scorte potrebbero non aumentare molto velocemente, quindi dovrai essere tollerante e paziente.